16 maggio 2016

-365

Il primo post di questo blog si intitola "15 maggio 2017" ad auspicare la data del trasferimento a tempo pieno a Bisarno. Quel giorno compirò 40 anni, una cifra tonda che sento molto cardinale nel mio cammino di vita. Ieri era quindi il mio compleanno numero 39, e grazie a Matilde, la bambina più grande che lo ha vezzeggiato, aspettato e dolcemente celebrato, penso sia stato il compleanno più bello che io ricordi. Di solito non amo festeggiare questa ricorrenza, manco raccontare al mondo la mera cronaca di un altro giro trascorso più o meno indenne, ma ieri i festeggiamenti - un semplice pranzo fuori fra crostini di fegato, tortelli di patate, arrosto col mitologico piccione passato fra i quattro nonni, dolciastra metà e le bambine - li ho accolti con serenità, trasformati in energia positiva per trovare la carica per le tante sfide davanti a me, a noi, da qui al prossimo 15 maggio. Sempre "in direzione ostinata e contraria". Intanto abbiamo iniziato le stuccature, partendo dalla torre. La scelta dell'impasto della malta è stato ozioso, lungo, ho studiato tecniche, filologia, percorso storico, come miscelare i colori e, alla fine, ho optato per la prima delle almeno 40 prove fatte. Il gruppo si è un po' indispettito, ma la decisione ha accolto anche molte perplessità di chi poi avrebbe dovuto lavorarla, questa calce, miscelarla, colorarla, garantirne una presa sicura. Alla fine, sia per un risparmio economico, sia per la difficoltà di riproposizione della miscela su larga scala, la scelta di una premiscelata in purezza, senza neanche l'addizione dell'inerte locale, ci è parsa la migliore: se non la più bella, la più efficiente. Qui ci sono le prime foto: il colore da bagnato è splendido, da asciutto forse è un pizzico troppo chiaro rispetto al mio desiderata, ma pur sempre gradevole. Soprattutto, sono anche molto contento di come stiano riproponendosi nel loro splendore le murature storico. Siamo alla parte apicale della torretta, dove è stata restituita alla sua presenza originaria medievale anche una finestra con arco: io trovo il restauro molto aggraziato, se si può mutuare un termine proprio della scultura alla muratura.


Stuccature secche di un giorno della finestra sulla torretta.