20 maggio 2017

La guerra degli es.



Un sabato diviso fra gli inscatolamenti a San Francesco (mancano poco meno di 10 giorni all'abbandono della casa) e gli ansiosi e affrettati lavori a Bisarno (mancano poco più di 20 giorni al previsto primo giorno nella nuova casa), di cui sono osservatore zelante con l'umile ruolo dello spazzino (che però decide!). Oggi sono arrivate gran parte delle finestre, splendide! Mancano adesso solo le centinate, quelle cioè con l'arco, il portone d'ingresso e la grande finestra ad arco della cucina. I lavori fognari hanno preso un la, anche se ancora mancano molti allacci, un paio di cisterne e altri marchingegni: prima gli scavi, poi posatura dei (tanti) tubi con pozzetti, infine copertura degli scavi. È stata anche installata, in un mosaico di impegni e maestranze fatte incastrare con  sommo dispendio di energie la pompa di calore e la centrale termica, seppur ancora non sia stato possibile accenderla per far fare ai massetti lo shock termico propedeutico alla resina. Restiamo in attesa di Hitachi che deve essere presente con un suo uomo al turn on: confido nella puntualità nipponica. Abbiamo anche iniziato la posa delle mattonelle azzurre del bagno grande. Ho compiuto durante tutta la giornata, che da cinguettante e bella si è mutata in brontolona e temporalesca con l'incidere del meriggio, un su e giù continuo fra le due case e i bidoni della raccolta differenziata: tanta immondizia creata, sia nel restauro che per il trasloco. Nel mezzo, continue riflessioni sul da farsi in questo countodown e le solite bordate di pessimismo e negatività bubate dall'ecosistema del cantiere. Comunque, mentalmente mi sento meglio dei mesi scorsi e anche i miei fastidi di salute, pur presenti, sono accolti con un approccio meno nichilista e cupo. Mi sa che sta emergendo il mio "es" specializzato nell'ultimo miglio, un napoleonico, pugnace e pertinace frammento di "me" che spesso affiora fra le tante sfaccettature del mio animo e mi permette di affrontare al meglio le prestazioni e di togliermi non poche soddisfazioni. Ha un solo difetto, quest'io determinato e adrenalinico: compiuta la sua missione, cintosi d'alloro e beatosi del successo, si rintana repente nei meandri della psiche lasciando il posto agli altri "es" noiosi e queruli, recanti accidia e smania e storico terreno fertile per farsi poi fagocitare da una nuova colonia di stati psichici, di "ego", liberi pensatori, volti a farmi indirizzare verso nuovi progetti e nuove sfide. If you rest, you rust.